Realtà aumentata il futuro dopo internet


Non c’è dubbio che Internet abbia rappresentato una rivoluzione sia in ambito consumer che business. Il nuovo tema destinato a cambiare nuovamente e totalmente scenari e processi è oggi quello della Realtà Aumentata, (in inglese augmented reality, abbreviato AR) ossia l’interpretazione del reale che ci circonda, ripreso attraverso dispositivi di acquisizione fissi o indossabili, e arricchito in tempo reale di informazioni, grazie ad algoritmi e applicazioni intelligenti.
Si va dal mondo dell’intrattenimento a quello del manifatturiero, dal turismo al medicale fino alle applicazioni industriali più verticali

Le informazioni “aggiuntive” possono in realtà consistere anche in una diminuzione della quantità di informazioni normalmente percepibili per via sensoriale, sempre al fine di presentare una situazione più chiara o più utile o più divertente. Anche in questo caso si parla di AR.

Download (PDF, 668KB)

Nella realtà virtuale (virtual reality, VR), le informazioni aggiunte o sottratte elettronicamente sono preponderanti, al punto che le persone si trovano immerse in una situazione nella quale le percezioni naturali di molti dei cinque sensi non sembrano neppure essere più presenti e sono sostituite da altre. Nella realtà aumentata (AR), invece, la persona continua a vivere la comune realtà fisica, ma usufruisce di informazioni aggiuntive o manipolate della realtà stessa.

La distinzione tra VR e AR è peraltro artificiosa: la realtà mediata, infatti, può essere considerata come un continuo, nel quale VR e AR si collocano adiacenti e non sono semplicemente due concetti opposti.

La mediazione avviene solitamente in tempo reale. Le informazioni circa il mondo reale che circonda l’utente possono diventare interattive e manipolabili digitalmente.

Facebooktwitter

Share this post