AAL Smart Ageing Prize 2016


AAL (Active & Assisted Living), programma di finanziamento per la ricerca, sviluppo ed innovazione di soluzioni ICT a supporto dell’invecchiamento attivo degli anziani, co-finanziato dalla Commissione Europea, ha recentemente pubblicato il bando per l’assegnazione del Premio  AAL smart ageing prize, con scadenza 13 Maggio 2016.

Il premio di 50.000 € verrà assegnato ad idee innovative relative a devices e technologie IoT che possano facilitare l’invecchiamento attivo dell’anziano in ogni aspetto della sua quotidianità. La proposta progettuale mirerà allo sviluppo di prototipi e business plan, grazie al coinvolgimento attivo degli anziani nelle fasi di sviluppo e testing della soluzione tecnologica.

Per maggiori informazioni rispetto il bando AAL smart ageing prize: http://www.aal-europe.eu/aal-smart-ageing-prize/

 

Facebooktwitter

Share this post

Personal Branding


2016 di cambiamento è il tempo di Personal Branding.
Il personal branding è un processo attraverso cui un’azienda o una persona definisce i punti di forza (conoscenze, competenze, stile, carattere, abilità, ecc.) che la contraddistinguono in modo univoco, creando un proprio marchio personale, che comunica poi nel modo che reputa più efficace. Il personal branding adotta le tecniche utilizzate dal Marketing per promuovere i prodotti commerciali e le adatta per la promozione dell’identità delle singole persone e delle aziende (piccole e medie imprese o aziende personali). L’obiettivo in entrambe i casi è il brand positioning ovvero, per citare Ries e Trout, posizionare nella mente dell’utente il brand (o il nome del professionista) associato a una precisa peculiarità, a un concetto che inequivocabilmente lo distinguerà dai concorrenti.

Con il personal branding si influenza l’utenza, attraverso esperienze da far vivere al cliente (experiential marketing).

Chi applica il personal branding al web ha lo scopo di creare una rete di seguaci attraverso social media e Blog personali ed eventi (formazione e fiere di settore) con l’obiettivo di aumentare la propria web reputation.

I professionisti utilizzano software di monitoraggio della reputazione digitale che applicano diverse operazioni dette di social media Monitoring in grado di valutare la soddisfazione dell’utenza, di fare indagini di mercato e di monitorare le tendenze dei propri follower con operazioni di listening.

Download (PDF, 14KB)

Facebooktwitter

Share this post