Bando “Reti per l’internazionalizzazione” della Regione Emilia-Romagna


Finalità:
Sostenere la nascita e il consolidamento di reti formali permanenti fra PMI finalizzate alla collaborazione produttiva, alla progettazione, alla logistica e alla fornitura di servizi sui mercati internazionali quale strumento di rafforzamento della competitività sistemica del territorio.

Destinatari
Reti rientranti in una delle seguenti tipologie:

raggruppamenti di PMI e/o imprese artigiane aventi sede legale in Emilia-Romagna costituiti con forma giuridica di contratto di rete ai sensi del comma 4ter dell’art.3del DL 10 Febbraio 2009 n.5, convertito con modificazioni dalla legge 9 Aprile 2009 n.33;
ATI già costituite tra PMI e imprese artigiane, aventi sede legale in Emilia-Romagna;
consorzi con attività esterna e società consortili di PMI e imprese artigiane, costituiti anche in forma cooperativa, aventi sede legale in Emilia-Romagna. Per partecipare al presente bando i Consorzi devono costituire una ATI attraverso il coinvolgimento delle sole imprese consorziate

Scadenza ed entità del contributo
Il contributo può coprire fino al 50% dei costi ammissibili di progetto, per un valore massimo di Euro 150.000,00. Per essere ammissibili, i progetti dovranno essere di un valore minimo di Euro 50.000,00. I progetti saranno finanziati secondo una procedura valutativa a sportello in ordine cronologico fino ad esaurimento risorse disponibili e devono essere presentati entro l’1 Ottobre 2012.

Spese ammissibili
Vengono riconosciute le seguenti spese (qui esposte in forma riassuntiva):
Spese di consulenza per identificare e sviluppare un percorso di internazionalizzazione di rete della durata minima di 3 anni;
Spese di consulenza esterna del “manager di rete”
Spese inerenti alla ricerca di partner commerciali, industriali, agenti, buyers, importatori tramite la costituzione di un database;
Spese per organizzazione di B2B e visite aziendali;
Spese per centri comuni di vendita, controllo e certificazione di qualità, assistenza post-vendita, formazione, logistica;
Spese per spazi espositivi, materiali promozionali/pubblicitari, sito internet, brand unitario identificativo della rete;
Spese di personale, coordinamento e spese notarili.

Presentazione della domanda
Nizan Consulting è in grado di realizzare ogni fase necessaria alla realizzazione del progetto:
Analisi del Fabbisogno,
Accordi delle parti Sociali,
Progettazione,
Ricerca partner,
Coordinamento e gestione di ogni attività del programma di rete,
Assistenza Rendicontazione e assistenza alla chiusura definitiva.

Facebooktwitter

Share this post

Market Place per le professioni artigianali


Cos’è Personal Worker

Devi fare un lavoretto di casa, ma il “fai da te” non è il tuo forte?
Vuoi trovare il professionista che ti può aiutare, al miglior prezzo?

Personalworker.it è il punto di incontro virtuale, per risolvere i tuoi problemi, dal più grande al più piccolo.

Personalworker.it ti farà conoscere professionisti di ogni settore, in grado di seguirti, passo dopo passo, nella realizzazione dei tuoi lavori.

A chi si rivolge

Personalworker.it si rivolge sia ai privati in cerca di professionalità per svolgere i piccoli e grandi lavori di casa, sia a tutti i professionisti che vogliono proporsi per rispondere alle richieste che i privati inseriscono, gratuitamente, sul portale.

Creando quell’incontro utile sia a chi richiede il lavoro, sia a chi si vuole candidare per svolgerlo.

Come funziona

Personalworker.it può essere spiegato in pochi punti:

  • Il privato si iscrive al portale ed inserisce la propria richiesta di lavoro da svolgere, indicando tempi, modi e costi da seguire.
  • Il professionista si iscrive al portale e propone il proprio preventivo sulle inserzioni legate al proprio settore professionale
  • Il privato riceve le proposte sulla propria pagina personale e via mail, ne valuta le condizioni e sceglie il professionista più adatto alle proprie esigenze, confrontando i feedback e il rating che gli operatori hanno ricevuto da altri utenti.
  • Il professionista viene contattato per svolgere il lavoro e, a lavoro concluso, regolarizza la propria prestazione professionale direttamente con il suo committente, cioè il privato

Download (PDF, 869KB)

Facebooktwitter

Share this post