Cesena, focus sull’agroalimentare. Un incontro fra ricercatori e aziende del settore


Incontro fra CIRI AGROALIMENTARE, appartenente alla Piattaforma Agroalimentare della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna, e le aziende del settore interessate a conoscere le competenze ed attività del centro di ricerca.

L’incontro è volto all’innovazione e al trasferimento tecnologico in questo importante settore produttivo. Appuntamento venerdì 13 alle 10.30 presso il Campus di Scienze degli alimenti di Cesena, Piazza Goidanich 60.

Facebooktwitter

Share this post

Bando “Reti per l’internazionalizzazione” della Regione Emilia-Romagna


Finalità:
Sostenere la nascita e il consolidamento di reti formali permanenti fra PMI finalizzate alla collaborazione produttiva, alla progettazione, alla logistica e alla fornitura di servizi sui mercati internazionali quale strumento di rafforzamento della competitività sistemica del territorio.

Destinatari
Reti rientranti in una delle seguenti tipologie:

raggruppamenti di PMI e/o imprese artigiane aventi sede legale in Emilia-Romagna costituiti con forma giuridica di contratto di rete ai sensi del comma 4ter dell’art.3del DL 10 Febbraio 2009 n.5, convertito con modificazioni dalla legge 9 Aprile 2009 n.33;
ATI già costituite tra PMI e imprese artigiane, aventi sede legale in Emilia-Romagna;
consorzi con attività esterna e società consortili di PMI e imprese artigiane, costituiti anche in forma cooperativa, aventi sede legale in Emilia-Romagna. Per partecipare al presente bando i Consorzi devono costituire una ATI attraverso il coinvolgimento delle sole imprese consorziate

Scadenza ed entità del contributo
Il contributo può coprire fino al 50% dei costi ammissibili di progetto, per un valore massimo di Euro 150.000,00. Per essere ammissibili, i progetti dovranno essere di un valore minimo di Euro 50.000,00. I progetti saranno finanziati secondo una procedura valutativa a sportello in ordine cronologico fino ad esaurimento risorse disponibili e devono essere presentati entro l’1 Ottobre 2012.

Spese ammissibili
Vengono riconosciute le seguenti spese (qui esposte in forma riassuntiva):
Spese di consulenza per identificare e sviluppare un percorso di internazionalizzazione di rete della durata minima di 3 anni;
Spese di consulenza esterna del “manager di rete”
Spese inerenti alla ricerca di partner commerciali, industriali, agenti, buyers, importatori tramite la costituzione di un database;
Spese per organizzazione di B2B e visite aziendali;
Spese per centri comuni di vendita, controllo e certificazione di qualità, assistenza post-vendita, formazione, logistica;
Spese per spazi espositivi, materiali promozionali/pubblicitari, sito internet, brand unitario identificativo della rete;
Spese di personale, coordinamento e spese notarili.

Presentazione della domanda
Nizan Consulting è in grado di realizzare ogni fase necessaria alla realizzazione del progetto:
Analisi del Fabbisogno,
Accordi delle parti Sociali,
Progettazione,
Ricerca partner,
Coordinamento e gestione di ogni attività del programma di rete,
Assistenza Rendicontazione e assistenza alla chiusura definitiva.

Facebooktwitter

Share this post